Com’è nata la sposa di Set, il terzo genito di Adamo?
Genesi Biblica, Don Guido, News, Sacra Scrittura

Com’è nata la sposa di Set, il terzo genito di Adamo?

Il mistero delle spose dei figli di Adamo finalmente svelato

Come sappiamo la Genesi mosaica riporta che Adamo ha avuto tre figli maschi: Caino, Abele e Set. Ma non figlie femmine, o almeno di queste non se ne fa menzione. Direbbero alcuni: «ma la Bibbia riporta solo i nomi dei personaggi maschili». In realtà questo non è del tutto vero. Infatti sempre nel IV capitolo di Genesi viene riportata la storia di Ada e Zilla (
Gn 4: 19-26

Genesi 4:19-26

19 Lamec prese due mogli: il nome dell'una era Ada e il nome dell'altra Zilla. 20 Ada partorì Iabal, che fu il padre di quelli che abitano sotto le tende presso le greggi. 21 Il nome di suo fratello era Iubal, che fu il padre di tutti quelli che suonano la cetra e il flauto. 22 Zilla a sua volta partorì Tubal-Cain, l'artefice d'ogni sorta di strumenti di bronzo e di ferro; e la sorella di Tubal-Cain fu Naama.
23 Lamec disse alle sue mogli:
«Ada e Zilla, ascoltate la mia voce;
mogli di Lamec, porgete orecchio al mio dire!
Sì, io ho ucciso un uomo perché mi ha ferito,
e un giovane perché mi ha contuso.
24 Se Caino sarà vendicato sette volte,
Lamec lo sarà settantasette volte».

Genealogia di Adamo per la linea di Set, fino a Noè
Ge 5:3-8
25 Adamo conobbe ancora sua moglie ed ella partorì un figlio che chiamò Set, perché, ella disse: «Dio mi ha dato un altro figlio al posto di Abele, che Caino ha ucciso».
26 Anche a Set nacque un figlio, che chiamò Enos. Allora si cominciò a invocare il nome del SIGNORE.

), due donne che rivestono una certa importanza per alcuni passaggi della storia
antidiluvianaPrima del Diluvio, cioè prima dell'esistinzione dei Figli di Dio.
. Dunque non è affatto vero che le donne non siano menzionate a priori riguardo la ricostruzione dell’albero genialogico che parte da Adamo o nel testo della Genesi mosaica. E il mistero permane:
Con cui si unirono in moglie Caino e Set? E da dove arrivò la sposa di Set?

Un mistero scomodo, che molti negano per mancanza di onestà

Attraverso le otto visioni che Dio mostrò a don Guido apprendiamo il mistero che riguarda la sposa di Caino, ma, in parte, anche della sposa di Set. Tuttavia la Chiesa non ha ancora preso seriamente in considerazioni la “Genesi Biblica” per diverse ragioni che abbiamo già approfondito in molte altre occasioni. Pertanto, pur essendo da sempre un dogma quello della monogenesi, esplicitato durante il Concilio di Trento (Concilio di Trentosessione V, decreto sul peccato originale, canone 1, pag. 9) e in tanti altri documenti del Magistero straordinario della Chiesa cattolica dei secoli successivi, alcuni tra i teologi odierni, anche piuttosto noti e importanti in quanto
prelatiNon faccio nomi solo per non creare dell'inutile antagonismo, ma potete cercare da voi conferma di quello scrivo.
, non ammettendo il mistero ma cercando di spiegare la cosa a modo loro, convinti che la loro cultura sia in grado di compensare le parti del racconto che semplicemente non sono state rivelate e/o esplicate nella Bibbia, azzardando le più strampalate ipotesi. Una di queste è che Caino trovò moglie perché prima di Adamo c’erano già altri esseri umani con cui poi i suoi discenti si unirono. Ciò oltre a distruggere le premesse narrative sul ruolo di Adamo quale capostìpite del genere umano e unico individo in grado di commettere il peccato originale, così come ha sempre insegnato la Chiesa in accordo con la Sacra Scrittura, si rivela anche una grave eresia, inaccettabile da parte di figure di così spicco all’interno del mondo cattolico e/o ecclesiastico. Eppure, per potersela raccontare o farsi tornare i conti rispetto alcune incongruenze nel racconto della Genesi, beh, si è disposti a tutto anche qualora manchino gli elementi narrativi fondamentali per la ricostruzione della storia. L’onestà intellettuale dovrebbe portare ad ammettere:
In realtà non lo sappiamo, è un mistero. La sposa di Caino e la sposa di Set restano un enigma.
Ma questo tra i “dotti” del mondo cattolico, che ormai snobbano la
misticaI profeti dei giorni nostri, a cui Dio ha dato informazioni imporanti per l'approfondimento della Rivelazione.
più che mai, preferiscono essere autoreferenziali anche quando sfiorano il ridicolo. Anzi, questa è la prassi. La cosa, infatti, è molto comune al giorno d’oggi, se non addirittura quasi un comportamento adottato dalla maggior parte di biblisti e teologi per partito preso, tanto da lasciar letteralmente basiti se si cerca di mantenere un minimo di onestà intellettuale che non snaturi il senso della Storia della Salvezza.

La Genesi Biblica svela, in parte, il mistero

Ovviamente, su ciò che non sappiamo o comprendiamo della Rivelazione uno solo può fornirci l’approfodimento necessario: Dio. E qui entra in gioco la “Genesi Biblica”, la cosiddetta mistica snobata a cui alludevo prima, che ci fornisce tutto il necessario per capire come sono andate veramente andate le cose adesso che abbiamo la comprensione del DNA, in un racconto «finalmente realistico» come asserisce la Madonna a don Guido. Naturalmente non potrò ripetere da capo tutto ciò che concerne questa rivelazione donata da Dio a don Guido Bortoluzzi. Anzi, se davvero volete seguirmi fino in fondo è necessario leggersi il libro, che trovate gratuitamente qui da noi nella lingua che più desiderate in formato digitale oppure su Amazon in formato cartaceo. Ma partiamo dal presupposto che Adamo non è nato sotto un cavolo né bello che adulto, ma come tutti noi – Gesù incluso – si è sviluppato a partire dallo zigote. Quest’ultimo creato nel grembo di una creatura subumana pensata appositamente per essere la madre in affitto della prima coppia umana perfetta. Dunque senza alcun scambio di informazioni genetiche e senza differenze genetiche troppo elevate per comportare il rigetto del feto. Questa creatura è la famosa Lilith della tradizione orale ebraica. E come sappiamo Adamo dopo aver generato con lei Caino, un essere ibrido, l’allontanò comprendendo il proprio errore, cioè che non poteva
concepire altri Figli di Dio senza l'intervento del Padre in LilithSenza che in Lilith fosse creato prima un ovulo da Dio, per la nascita della Donna o di un altro Figlio di Dio.
.

La sposa di Set, Caino uccide Abele
Nell’arte sacra Caino è rappresentato come un uomo con connotati un po’ bruti, ma nella realtà era una creatura subumana vera e propria
Caino, dopo aver ucciso Abele, come sappiamo, fu scacciato da Adamo e peregrinando trovò Lilith. Questa per noi è una certezza, perché pur se non mostrata da Dio a don Guido è un fatto scontato, in quanto solo con Caino da Lilith potevano nascere degli ibridi umani fertili da cui noi discendiamo. I cosiddetti “Cainiti” che poi diveranno, dopo alcune unioni con i Figli di Dio, quello che siamo noi: i figli degli uomini. Quelli a cui allude il VI capitolo del libro della Genesi (
Gen 6: 1-5

Genesi 6:1-5

Corruzione del genere umano
(Es 34:15-16; 2Co 6:14-18)(Sl 14:1-4; Ro 3:10-18)
1 Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra e furono loro nate delle figlie, 2 avvenne che i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e presero per mogli quelle che si scelsero fra tutte. 3 Il SIGNORE disse: «Lo Spirito mio non contenderà per sempre con l'uomo poiché, nel suo traviamento, egli non è che carne; i suoi giorni dureranno quindi centoventi anni».
4 In quel tempo c'erano sulla terra i giganti, e ci furono anche in seguito, quando i figli di Dio si unirono alle figlie degli uomini, ed ebbero da loro dei figli. Questi sono gli uomini potenti che, fin dai tempi antichi, sono stati famosi.
5 Il SIGNORE vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che il loro cuore concepiva soltanto disegni malvagi in ogni tempo.

).

Ma la sposa di Set?

Dunque su Caino non abbiamo dubbi, generò la sua stripe ritrovando la madre Lilith o “
Eva«Esuli figli di Eva».
” per chi preferisce usare il nome della vera donna subumana “
colpevoleEra solo un animale, le colpe restano tutte di Adamo. Infatti solo lui poteva attuare il peccato originale come ribadito nel Magistero della Chiesa e non altri.
” di aver partecipato al peccato originale con Adamo, che secondo la tradizione orale ebraica sarebbe stata la prima “moglie” di Adamo “malvagia” con cui generò
demoniCainiti, rapaci e aggressivi.
, mentre la bambina, cioè la vera prima donna quando il primo uomo era già adulto, fu solo
una tentatrice involontaria per AdamoAdamo vedendo la bambina perfetta, sua futura sposa, credette che avrebbe potuto genere da solo altri Figli di Dio con Lilith senza l'intervento di Dio Padre.
. Non avendo in quel periodo le conoscenze di un essere trascendente, perché la “prova” fu nell’immanente, cioè nella vita terrena, ed egli non poteva conoscere le leggi di Mendel.
Vale sempre il principio che ‘Deus non facit per Se quod facere potest per creaturas’, Dio non compie un nuovo atto creatore quando può servirsi allo scopo di ciò che ha già creato. ~ Genesi Biblica – Nuova luce sull’origine dell’uomo e sul peccato originale (Appendice, pagina 365).
Don Guido, a questo punto, comprende che Dio si serve sempre di ciò che è già presente in natura – la famosa “argilla” da cui fu creato l’Uomo – per creare «cose nuove», ovvero la creazione mediata spiegata nel libro della “Genesi Biblica Nuova luce sull’origine dell’uomo e sul peccato originale”, ipotizzando che come per Adamo, che caddette in un sonno profondo nel momento in cui Lilith si accoppiò con lui per generare la Donna, secondo un’accortezza di Dio affinché Adamo non ripetesse la cosa e soprattutto non partecipasse attivamente ad un atto sessuale che non doveva ripetersi mai più con Lilith, pensò che si verificò la medesima cosa anche per la sposa di Set. Ovvero, una volta rimasti da soli, dopo il «non non serviam» di Adamo, che si rifiutò di generare altri Figli di Dio per restare in aperta ostilità con il Padre, fino al punto di abbandonare il nucleo familiare, la Donna e Set rimasero da soli.
E come dare a Set una sposa?
Don Guido a questo punto teorizzò che avvenne la stessa cosa, cioè anche la Donna e Set si addormentarono ed ebbero un rapporto sessuale nel sonno. Questa ipotesi di don Guido la ritroviamo anche nel libro di “Genesi Biblica Nuova luce sull’origine dell’uomo e sul peccato originale”. Tuttavia, con il passare degli anni, mi sono reso conto di quanto tale ipotesi non sia necessariamete detto che corrispondi a verità. Nonostante abbia molta stima e fiducia in don Guido, che reputo uno dei più grandi santi del secolo scorso, di cui ho letto gli scritti anche non pubblicati e tramite le testimonianze di Renza Giacobbi ormai, dopo tanti e tanti anni, posso dirne di conoscerne abbastanza il pensiero. Sì, don Guido semplicemente potrebbe aver peccato d’igenuità, in assoluta buona fede, perché se almeno uno dei due, Set o la Donna, non era rimasto/a sveglio/a il rapporto sessuale, per motivi logistici che voi tutti potete benissimo immaginare, non avrebbe potuto avere luogo l’accoppiamento. Dunque l’ipotesi di don Guido, per forza di cose, prevede che uno dei due, probabilmente la Donna, sia rimasta sveglia durante quell’atto sessuale. Tuttavia, cosa di non secondaria importanza, Dio ha un rispetto infinito per la Madre dei Figli di Dio e per il terzo genito Set. E non è detto che avrebbe permesso che i due si abbassassero a compiere un incesto madre-figlio di per sé non
geneticamente dannosoCome per gli animali, anche i Figli di Dio non sono danneggiati da nascite incestuose. Anzi, l'incesto era necessario nelle prime due o tre generazioni, come per tutte le specie.
, ma che avrebbe potuto minare il rapporto della Donna con il figlio Set, oltre che constringere a qualcosa di veramente difficile sul piano psicologico per una madre: accoppiarsi con il figlio. Anche se l’atto sessuale era “privo di concupiscenza”, dunque non peccaminoso, resta comunque un disagio anche per un Figlio di Dio, soprattutto per una madre dotata di una grande sensibilità.

Conclusione: la sposa di Set fu opera di Dio?

La sposa di Set, nuova coppia umana
Set e la sua sposa furono, nei fatti, i sostituti della prima coppia umana. Infatti la loro discendenza sarà chiamara “Stripe di Set”, come sinonimo di Figli di Dio (Dèi): il popolo santo a cui allude Genesi 6
Dunque, pur non escludedo a priori l’ipotesi di don Guido, perché la regola del «Deus non facit per Se quod facere potest per creaturas» fa parte del modo di operare di Dio, tuttavia si può avanzare un’altra ipotesi su come venne concepita la sposa di Set. Semplice, è la stessa Sacra Scrittura a suggerirci una seconda via. Quando Dio, per qualsiasi motivo, decide di donare un figlio a una madre impossibilitata ad averlo, come nel caso delle donne sterili o che hanno un marito sterile, Lui crea nell’utero il perfetto gamete mancante. Lo abbiamo visto varie volte nella Bibbia, come nei casi di MelchisedecIsaccoGiuseppeSamueleSansone e Giovanni Battista. Potrebbe essere avvenuta la stessa cosa con la Madre dei Figli di Dio riguardo la nascita della bambina che divenne sposa di Set, perché impossibilitata ad avere un altro figlio per colpa di Adamo. Personalmente non mi sento affatto di escludere questa possibilità, anche se con infinita prudenza non voglio nemmeno darla per scontata. In tutta onestà la trovo più plausibile della teoria di don Guido sul rapporto sessuale tra la Donna e Set, ma nei fatti restiamo sempre nel campo delle ipotesi.

Pertanto l’onestà intellettuale ci porta ad ammettere che quale delle due ipotesi sia la verità, è necessario ribadirlo, non possiamo saperlo con assoluta certezza almeno fin quando non sarà Dio a rivelarcelo.
24 Gennaio 2022

About Author

Alessandro Pacifico Affascinato dalle storie di Arda, ho cercato di capire perché Tolkien sostenesse che a essere immaginario è solo il tempo in cui sono ambientati i suoi racconti. Ho così iniziato un lungo cammino, che mi ha portato ad amare il Libro della Genesi grazie a don Guido Bortoluzzi, fino all'esperienza del percorso dei 10 Comandamenti di don Fabio Rosini. La fede cristiana è soprattutto un'esperienza di bellezza, ben lontana dall'ideologia e dall'emozionalità di chi la riduce ad un sterile atto di cieca convinzione. La mia passione per la scrittura e la sceneggiatura comincia dall'amore per la narrativa, per il fumetto e tutto ciò che porta alla storia delle storie.


ONE COMMENT ON THIS POST To “Com’è nata la sposa di Set, il terzo genito di Adamo?”

  1. Salve, si potrebbe anche ipotizzare che Dio ad un certo punto abbia deciso di resettare i ricordi della prima Donna e quelli di Set per fare in modo che si accoppiassero e dessero origine ad una nuova stirpe dei figli di Dio visto che Adamo non era più disponibile in tal senso. In questo modo l’ipotesi di Don Guido resta in piedi ma senza l’imbarazzo dell’idea che una madre possa accoppiarsi col figlio anche se comunque tale idea in realtà deriva solo da un nostro preconcetto culturale e nulla vieta il pensare che al tempo della creazione dei primi esseri umani non esistesse affatto tale imbarazzo e che invece fosse assolutamente legittimo e anzi doveroso contribuire alla nascita della nuova stirpe dei figli di Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.