Cos’è il Santo Graal? Un mistero svelato!
Genesi Biblica, Miti Antichi, Narrativa, News, Storia

Cos’è il Santo Graal? Un mistero svelato!

L’atavica ricerca dell’immortalità

La ricerca di quest’oggetto leggendario dai poteri straordinari fin dal Medioevo ha scatenato la fantasia popolare, incendiando i cuori di molti scrittori che ne hanno narrato il suo mito attraverso saghe e poemi cavallereschi. È stato cercato in ogni dove, anche perché i suoi poteri, secondo la leggenda, donerebbero vita eterna e conoscenza. Tuttavia non tutti i mortali saranno in grado di raggiungere il Graal, ma solamente coloro che sono puri di cuore. Nel corso del tempo ha assunto diverse forme, lo ritroviamo spesso sotto forma di calice per poi divenire una coppa e infine un libro. Ma cos’è veramente il Santo Graal? In questo articolo ci ripromettiamo di svelare il mistero.

Il Santo Graal
Templari e Graal… un disegno che si riferisce alla prova del Graal nel film “Indiana Jones e l’ultima crociata
Ma che cos’è davvero il Graal? È un oggetto materiale o in realtà rappresenta qualcos’altro di più spirituale? Il calice di Cristo… e se fosse di mithril?”, scrive Alessandro Pacifico in uno dei suoi articoli più noti dedicati al Graal. Eh sì, perché forse la mistica ci fornisce alcuni indizzi sulla natura del Graal in quanto oggetto realmente esistito.

Un oggetto realmente esistito?

Poi prese il calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse: “Questo è il mio sangue, il sangue dell’alleanza versato per molti. In verità vi dico che io non berrò più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo nel regno di Dio.” ~ Marco 14, 23-24
La reliquia più sacra di sempre, il calice di Cristo, noto nella tradizione medievale come “Graal“, è in assoluto l’oggetto che più ha dato origine a suggestioni letterarie e cinematografiche, ispirando cult della storia del cinema qualiIndiana Jones e l’Ultima crociatao della letteratura come “Gli assassini del Graal” di Paul Doherty. Così ci riporta Alessandro Pacifico, alias Alex Pac-Man, riguardo cultura pop, narrativa e cinema. Ma domandiamoci: per quanto al centro di numerose leggende e racconti fantastici, esiste la possibilità che il calice di Cristo sia stato davvero un manufatto fuori dal comune? Dando per assodato che sia esistito così come è esistito Cristo nel momento dell’ultima cena, non resta che chiedersi di cosa fosse fatto. Quali lo sono le fattezze del Calice di Cristo?
Il Santo Graal
Edwin Austin Abbey, Sir Galahad scopre il Santo Graal, 1895

Un metallo misterioso

O almeno cosi riporta
la testimonianza di un certo ArnolfoRiportata nel libro di Richard Barber, 'The Holy Grail: Imagination and Belief', Harvard University Press, 2004.
, un vescovo franco che intraprese un viaggio in Palestina, secondo cui la leggendaria coppa si trovò per un certo periodo in Terra Santa in una chiesa tra la basilica del Golgota e il luogo del Martirio.
Il calice è d’argento, ha la dimensione di una pinta gallica e ha due maniglie lavorate su ciascun lato…
Fin qui niente da eccepire, era un calice “d’argento” di medie dimensioni.

Ma, arrivando al dunque, si trattava di semplice metallo?

Un’altra descrizione del calice di Cristo ci è fornita dalla Beata Anna Katharina Emmerick, nota mistica cattolica del XVIII secolo che ebbe in dono delle visioni sulla vita di Gesù Cristo, tra cui una descrizione del famoso calice:
Beata Anna Katharina Emmerick: “I due Apostoli (Pietro e Giovanni) ricevettero da Serafia, una pia donna amica della sacra Famiglia, tra altri doni, anche il calice che sarebbe stato servito al Redentore per l’istituzione dell’Eucaristia. Era un calice meraviglioso e formato di un metallo misterioso. Era rimasto, per molto tempo, tra gli arredi preziosi del Tempio. Non lo si era mai potuto fondere, perché di un metallo sconosciuto. Venduto dai sacerdoti a un antiquario, era stato da lui rivenduto a Serafia. Era già servito molte volte al Redentore per la celebrazione delle feste, ma dacché fu ceduto ai due Apostoli per Lui, esso rimase sempre in possesso della Comunità cristiana. Il calice conteneva un vasetto ed era ricoperto da un piattino rotondo. La parte inferiore del vasetto era di oro puro; vi si ammiravano artistici fregi, tra i quali una serpe e un grappolo di uva; su di esso erano incastonate inoltre pietre preziose. Il calice era stato di Melchisedec (misterioso personaggio dell’Antico Testameno, che in Genesi 14, 18 presenta come re e sacerdote dell’Altissimo) e di Abramo; era rimasto dentro l’arca di Noè.”
Scriverà Alex: Partiamo dalla premessa che non possono prendersi alla lettera, e quindi sostituirsi alla p /arola di Dio, le rivelazioni private (naturalmente, approvate dalla Chiesa!) riguardanti le vicende del vangelo. Del resto se così non fosse, tali rivelazioni avrebbero lo stesso valore dei vangeli canonici. È sostanzialmente lo stesso per le opere d’arte sacre: immagini ispirate, ma condizionate dalla forma mentis dell’autore. Tuttavia, diciamolo, non è nemmeno lecito o saggio ridimensionarle a semplici “romanzi” sul vangelo, più o meno ispirati. A dimostrazione di ciò c’è la storia del ritrovamento della Casa di Maria, che fu riportata alla luce proprio grazie alle visioni della Emmerick.

Le origini del mito

GraalLa versione classica del Graal che tutti abbiamo in mente è quella della coppa con la quale Gesù celebrò l’Ultima Cena e nella quale Giuseppe d’Arimatea raccolse il sangue dal costato del Cristo crocifisso. Ma questa versione del Graal risale al 1202, quando Robert De Boron la inserisce nel poema “Joseph d’Arimathie”, fondendola con il mito celtico del calderone. Il calderone, infatti, nelle leggende celtiche come quello del dio Dagda era simbolo dell’abbondanza che dispensa cibo inesauribile e conoscenza infinita, ma anche simbolo di resurrezione nel quale si gettano i morti perché resuscitino il giorno seguente. Il calderone dunque nutre i guerrieri celtici così come il sangue contenuto nel calice nutre la fede dei cristiani e li rigenera a una vita nuova… Da allora in avanti la leggenda del Graal si legherà indissolubilmente con il calice di Cristo, divenendo un simbolo cristiano. Dunque il mito del Graal ha radici molto più arcaiche del Cristianesimo e nasce, appunto, dalla fusione di antiche leggende presenti in numerose culture. L’origine del termine “Graal” infatti si fa risalire al termine latino Gradalis, che significa scodella o vaso, questi oggetti nella mitologia classica rappresentavano la potenza benefica delle forze superiori, basta pensare alla Cornucopia dei Greci e dei Romani. Intorno al 1210 il tedesco Wolfram Von Eschembach, nel poema “Parzifal”, parte del ciclo arturiano, fornisce una nuova interpretazione sulla natura del Santo Graal. Non è più una coppa ma una pietra purissima, chiamata Lapis exillis, questa pietra dai poteri miracolosi donerebbe perfino l’immortalità. Il termine lapis “exillis” è stato interpretato come “lapis ex coelis”. Ovvero “pietra caduta dal cielo”.

Il Santo Graal
Parsifal, recuperando il Graal, in questa immagine posto nella stessa linea prospettica della croce in alto, permetterà la redenzione dell’intero reame

La pietra caduta dal cielo

Alcuni hanno accostato la lapis exillis alla Lia Fàil o ”pietra del destino” che secondo un’antica leggenda irlandese un popolo di semidei, detti Thuata di Danan, avrebbero portata con sé dalla loro prima dimora, il cielo. Eschembach appunto sostiene che la pietra era uno smeraldo caduto dalla fronte di Lucifero e portato a terra dagli angeli rimasti neutrali durante la ribellione. Gli Angeli proclamarono Tirutel signore del Regno del Graal e posero la pietra nelle mani di una donna sua figlia Schoysiane, poiché il Graal poteva essere toccato solo da una vergine. Il figlio di Tirutel Amfortas, divenuto nuovo re, venne sedotto dalla strega Kundry e cadde con lei nel peccato rimanendo
Si narra alla gamba e/o ai genitali.
. La sua menomazione si riversò anche sul suo regno trasformandolo in una terra arida e desolata. Sarà il giovane e puro Parzifal, anch’esso discendente del vecchio re Tirutel, e cavaliere della tavola rotonda, a guarire la menomazione di Amfortas e salvare e redimere l’intero regno divenendo nuovo re del Graal.

Nel romanzo di Wolfram Von Eschenbach il Graal diviene simbolo eucaristico e i suoi guardiani, i Templari, vivono nutrendosi unicamente della sua energia; solo chi conosce una totale purezza morale può portarla con sé e, durante il Venerdì Santo, una colomba posa sulla pietra un’ostia consacrata, quell’ostia conferisce al Graal il suo immenso potere. Verso il XIII secolo, la sua concezione cambia e il Graal viene addirittura associato a un libro che scrisse Gesù stesso e che poteva essere letto solamente da chi era in grazia di Dio.

GraalCome confermato dalle visioni di Anna Katharina Emmerick, il Graal era costituito di una materia sconosciuta caduto dalla fronte di Lucifero dopo la ribellione celeste, e perso da Adamo dopo il peccato originale, per poi essere recuperato dal figlio Seth e perso nuovamente, salvato da Noè durante il diluvio e successivamente utilizzato da Melchisedec per benedire Abramo e Sara. Fu poi posseduto da Mosè prima di scomparire di nuovo.

Riapparve sulla terra quando un angelo portò l’oggetto sacro a San Gioacchino prima del concepimento di Maria, ma il sacerdote del tempio vendette il sacro oggetto a un antiquario. Venne recuperato dalla Veronica per essere adoperato da Gesù nell’ultima Cena.

Ma la pietra caduta dal cielo è riconducibile anche alla pietra nera custodita nella Ka’ba della Mecca, che secondo la tradizione islamica fu fatta calare da Allah dal paradiso sulla terra. La pietra durante il diluvio universale fu messa in salvo da Noè per poi essere recuperata da Abramo nei pressi del luogo dove sarebbe sorta la Mecca.

Il più antico tesoro

Si tratta in ogni caso di un qualcosa che fu perduta in seguito alla fine di un’età d’oro, un oggetto reale o simbolico che rimanda a uno splendore passato. Possiede caratteristiche simili al Graal, quindi capaci di mantenere in vita, dare conoscenza e di risanare la natura umana, un altro oggetto leggendario: la Pietra filosofale, che ritroviamo in parte con le sue peculiarità nella saga di “Harry Potter” e nel manga/anime “Fullmetal Alchemist“, simbolo dell’alchimia per la sua capacità di poter trasmutare in oro i
Non nobili, perché corruttibili.
. L’oro era l’unico metallo conosciuto in grado di restare inalterabile nel tempo. Dunque “sostanza primigenia” che rappresenterebbe la condizione immortale e primordiale perduta. Non a caso è una caratteristica di gran parte dei metalli leggendari, dall’oricalco all’adamantio, di cui il Mithril della Terra di Mezzo – leggero ma indistruttibile – è la sintesi migliore. Sacro Graal o Pietra filosofale, in ambedue i casi è un mezzo per risanare l’uomo e riportarlo all’immortalità o alla condizione idilliaca adamitica, una nostalgia dei primi tempi che non soltanto testimonia un disagio reale, quello della miseria umana, ma che quasi è in grado di comprovare che la storia dell’umanità fu segnata da un momento di perdita o rottura ancestrale.

In “Harry Potter e la Pietra filosofale” Albus Silente nasconde la Pietra dentro lo Specchio delle Brame. In questo modo solo una persona che desidera la Pietra per non usarla avrebbe potuto ottenerla. Non a caso, lo stesso specchio verrà usato dal mago come test per determinare chi non è puro di cuore

Che cosa rende l’uomo immortale?

Nella tradizione cristiana la pietra dell’immortalità non è altro che Gesù Cristo stesso, ossia la pietra angolare su cui è stata costruita la Chiesa di Dio. E sopra di Lui ci sono altre “pietre vive”, che rappresentano tutti i credenti uniti tra loro per innalzare il tempio santo del Signore:
Efesini 2, 20-22

Efesini 2:20-22

20 Siete stati edificati sul fondamento degli apostoli e dei profeti, essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare, 21 sulla quale l'edificio intero, ben collegato insieme, si va innalzando per essere un tempio santo nel Signore. 22 In lui voi pure entrate a far parte dell'edificio che ha da servire come dimora a Dio per mezzo dello Spirito.

;
1 Pietro 2, 4-5

1Pietro 2:4-5

4 Accostandovi a lui, pietra vivente, rifiutata dagli uomini, ma davanti a Dio scelta e preziosa, 5 anche voi, come pietre viventi, siete edificati per formare una casa spirituale, un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali, graditi a Dio per mezzo di Gesù Cristo.

Ancora, per San Paolo la pietra spirituale che seguiva e abbeverava gli ebrei nel passaggio nel deserto era l’immagine di Cristo (
1 Cor 10, 1-4

1Corinzi 10:1-4

L'esempio d'Israele nel deserto
Es 13:21-22; 16; 17:1-7; 32; Nu 21:4-9; 25; Sl 78:13-33; 106:9-29; Eb 3:7-19
1 Non voglio infatti che ignoriate, fratelli, che i nostri padri furono tutti sotto la nuvola, passarono tutti attraverso il mare, 2 furono tutti battezzati nella nuvola e nel mare, per essere di Mosè; 3 mangiarono tutti lo stesso cibo spirituale, 4 bevvero tutti la stessa bevanda spirituale, perché bevevano alla roccia spirituale che li seguiva; e questa roccia era Cristo.

).

È giusto dunque dire che il Santo Graal assume sia un carattere spirituale che materiale. Esso infatti rappresenta il più grande dono che Dio fa all’uomo: ovvero il suo Spirito. Lo Spirito Santo che attraverso il sacrificio di quel Cristo disceso sulla terra mandato dal Padre, discende sull’uomo e solo per mezzo dell’Eucarestia ci rigenera in un corpo e un’anima nuovi, permettendoci di tornare in contatto con Dio.

Inoltre, lo Spirito Santo che discende sull’uomo costituisce l’effetto della Redenzione, che con il corpo e il sangue di Cristo ci restituisce lo stato perduto nella caduta. L’uomo che diviene figlio di Dio è relazione con Dio. Questo lo rende immortale, a immagine e somiglianza di Dio. Gesù è la pietra che fu perduta dopo il peccato originale, il leggendario Graal, che come in “Harry Potter e la Pietra filosofale” e come in “Indiana Jones e l’ultima crociata” può essere raggiunto non da chi brama il potere e la conoscenza o teme la morte, ma soltanto da coloro che sinceramente desiderano il bene: stabilire una relazione filiale con Colui che è il principio e la fine di ogni cosa.
Gesù: “Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Se no, ve l’avrei detto. Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io.” (Giovanni 14, 1-4)


Conclusione

Alla luce della Rivelazione che Dio ha donato a don Guido Bortolizzi possiamo offrire un ulteriore analisi sul Santo Graal. Esso è senz’altro l’Eucaristia, ma solo se presa con fede, consapevoli che Gesù ci offre il Suo Sangue e il Suo Corpo perché, come in una trasfusione, noi
figli degli uominiFigli di Adamo, ma non di Dio.
possiamo per mezzo del Perfetto Sacrificio iniziare un cammino che ci trasformerà in Figli di Dio, cancellando per sempre le tare eretirarie del peccato di Adamo. Da prima solo “adottivi” per mezzo del battesimo, ma infine “figli effettivi” quando l’umanità, pienamente consapevole, metterà fine alla sua spasmodica ricerca orizzontale dell’immortalità, vedendo nel Santissimo l’unico mezzo per la resurrezione univiersale che avrà già luogo proprio qui, nell’immanente –, come promesso da Gesù Cristo:
Gesù: “Ecco, io faccio nuove tutte le cose […] Scrivi, perché queste parole sono certe e veraci. Ecco sono compiute! Io sono l’Alfa e l’Omega, il Principio e la Fine. A colui che ha sete darò gratuitamente acqua della fonte della vita. Chi sarà vittorioso erediterà questi beni; io sarò il suo Dio ed egli sarà mio figlio.” (Apocalisse 21, 5-7)
28 Maggio 2021

About Author

Silvia Scancella

Silvia Clears Fin da bambina la mia curiosità mi spingeva a cercare la verità in ogni cosa. Ma il più delle volte tutti gli interrogativi che mi ponevo rimanevano senza risposta, tanto da farmi allontanare dalla fede. Poi un giorno, tramite un amico venni a conoscenza della rivelazione ricevuta da don Guido, tutto allora si fece più chiaro, le mie domande trovarono finalmente risposta e io trovai Dio. Grazie Genesi Biblica ho così scoperto un Dio che non crea uomini, ma genera Figli. E quel Gesù che ci promette di essere dèi, con una "carne nuova", adesso più che mai mi appare come l'unica cosa davvero importante e bella in cui una figlia dell'uomo come me può osare sperare.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *